Stefano Gatti

il futuro non è più quello di una volta ...

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Correre

correreCorrere è parte della mia vita.

Correre, per me, non è solo sport è anche una esperienza che si rinnova quasi quotidianamente e che rende più armoniosa la mia vita.

Ci sono molti aspetti che me lo fanno amare:

  • è "minimalista": bastano buone scarpe, una maglietta e un paio di pantaloncini (qualcosa in più in inverno) e si è subito attivi ovunque e in qualunque momento della giornata. In questo senso è difficile trovare di meglio.
  • dal punto di vista salutistico fornisce benefici veramente apprezzabili soprattutto al sistema cardio-circolatorio ma non solo. Bastano 3 uscite a settimana di un'ora l'una per apprezzarne gli effetti positivi.
  • è uno dei migliori "rilassanti" naturali. Il potere delle endorfine dopo una corsa lunga o intensa è un'esperienza da provare.
  • è sociale e intimo a seconda dei casi e delle interpretazioni. La comunità dei runner è capillare e molto "avvolgente" ma anche le corse lunghe in solitaria sono qualcosa di irrinunciabile.
  • è quanto di più scientifico si possa cercare in uno sport. Programmi, tipologie di allenamenti, ritmi da misurare con orologi GPS e con cardiofrequenzimetri: chi ama come me i numeri, i dati e soprattutto le informazioni che da esso ne derivano nella corsa trova pane per i propri denti.
  • è un modo per conoscere meglio il proprio corpo (la sua fisiologia e i suoi limiti) e la propria mente (la sua resistenza e le sue barriere).

Correre però per me non è la maratona, nè tanto meno la maratona di NewYork.

Amo della maratona la sfida "metabolica" ma non la identifico certo con la corsa: può essere solo uno degli obiettivi di lungo periodo di un appassionato runner.

Gli impegni della vita e una certa attitudine personale mi fanno correre all'alba spesso in compagnia di me stesso, al buio, alle prime luci solari, con il freddo, con la pioggia, con la neve: la passione spesso è più forte di molte difficoltà.

Se qualcuno è riuscito ad arrivare a leggere fino a queste righe magari è interessato a qualche dettaglio in più della mia corsa. Per questo gestisco un blog dove amo descrivere i miei allenamenti, le mie corse, i mie piccoli record e nel quale affronto periodicamente alcuni argomenti comuni agli appassionati di questo sport.

Se poi anche il blog non è sufficiente intrattengo amabili scambi di mail sugli argomenti più futili e interessanti legati alla corsa: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .