Business project manager: una “fusione” molto agile e vincente?

Prendo spunto da un articolo letto sui 10 trend 2012 previsti per la Business Analysis per sottolineare come l’agilità, sempre più richiesta ai progetti, fa nascere l’esigenza di figure nuove all’interno dell’azienda. Ancora oggi in molte aziende il business analyst o il product manager sono figure che non partecipano direttamente ai progetti, limitandosi, spesso da lontano, a dettare i requisiti che i nuovi prodotti o le evoluzioni degli stessi debbano avere. Questo crea spesso un distacco con il project manager e con tutto il progetto che causa, nel migliore dei casi, perdita di agilità al progetto o, nei peggiori, il naufragio dello stesso.
Proprio questo aspetto è uno dei trend indicati dall’articolo di cui cito il passo integralmente per non perdere alcuna sfumatura di significato:

Emergence of a hybrid role of project manager and business analyst
The drive to create greater organizational efficiencies will spur the global emergence of a project role that mixes the project manager and the business analyst. Lack of resources is a key driver of this trend since many organizations cannot afford the luxury of having a utopian team in which project management and business analysis are conducted by separate individuals—why not get two roles filled for the price of one salary?“.

Non è un caso che una tecnica agile di avanguardia come SCRUM porti proprio il product manager all’interno del gruppo di progetto con un ruolo non certo minimale.

A fianco di questo trend l’articolo ne segnala un altro che è molto vicino o oserei dire è la logica conseguenza della scarsità di questo ruolo ibrido:

BPOs to invest in the development of their business analysis practices
Business process organizations (BPOs) in India are investing heavily in building business analysis capabilities in response to their clients’ deficiencies in the field. It’s a win-win for BPOs and their customers since the process of selling bundled software development, project management and business analysis services as an entire package improves project outcomes and mitigates project risks. Having experienced failures from developing software based on requirements their customers provided, BPOs are taking a proactive, foundational approach.. .”

Sono proprio le parole sottolineate e cioè l’accorpamento di sviluppo software, project management e business analysis a rendere ancora più evidente il collegamento tra questi due trend e alla necessità di figure che conoscano in maniera “olistica” tutti questi ambiti.

Come tutti i cambiamenti e le evoluzioni all’interno delle organizzazioni non sono nè facili nè veloci. Questa nuova figura deve avere competenze miste che si costruiscono con il tempo e soprattutto rompono “barriere” organizzative comode ma letali per le aziende che vogliono avere un futuro.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>